Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘ufficio stampa’

Pensieri abbozzati in ordine alfabetico sul #SalTo13 (Salone del Libro 2013, 16 – 20 maggio), così come l’ho vissuto. Attimi, persone e occasioni: il valore aggiunto all’esperienza del Salone è dato proprio dalle persone con cui si condivide.

Autori. Incontrati, visti passare tra gli stand e ascoltati alle varie presentazioni di libri. Sono i veri protagonisti del Salone del Libro e di tutte le fiere di settore. Una delle cose più affascinanti è scoprire il loro volto tra le pagine dei libri e sentirli raccontare di quale è stata la scintilla da cui è partita la scrittura. Autori famosi e autori esordienti, ma anche autori potenziali che passano dagli editori a portare il loro manoscritto. E di fondo son tutti accomunati dallo stesso desiderio: comunicare e leggere il proprio nome sulla copertina.

Book to the Future. Una sala che ha ospitato decine di incontri sull’editoria digitale. Qui si è svolto anche l’incontro “Recensioni 2.0: come la rete racconta i libri” (in cui ho avuto le mani in pasta) a cui hanno partecipato i rappresentanti di alcune realtà che trattano di libri sul web: Barbara Bottazzi per Gli Amanti dei Libri, Morgan Palmas per Sul Romanzo, Barbara Sgarzi per Zazie, Alberto Bullado per ConAltriMezzi (qui una sintesi dell’intervento) e Giovanni Bersani e Irene Nicaso in qualità di lettori Anobii che danno vita ad incontri in libreria a Torino. Due i punti evidenziati da tutti i relatori: occorre scrivere recensioni di qualità e fare rete anche fuori dal web per un costante aggiornamento sull’esempio dei blog letterari inglesi e americani.

Casa CookBook. La novità dell’edizione 2013 del Salone del Libro, uno spazio che ha unito libri e cucina. Tanta la gente in coda allo stand della Ferrero per ritirare il sorbetto (anche la sottoscritta vi ha fatto un paio di puntatine) o a quello della Lenti per affettare il prosciutto, ma anche dimostrazioni dal vivo tra i fornelli (invitante il profumo che a tratti si spandeva nel padiglione 3).

Evelina e le fate. E’ il libro scritto da Simona Baldelli e pubblicato da Giunti Editore che ho avuto il piacere di presentare nello spazio Kobo sabato 18 maggio. Un romanzo che da un po’ mi faceva l’occhiolino su facebook e che era nella mia wish list: una copertina dai toni morbidi e un titolo che evoca una dimensione magica. Pagine lette tutte d’un fiato e una chiacchierata che ha travalicato le pagine del libro rievocando un momento storico forte del ‘900.

Gli Amanti dei Libri. Testata online che si occupa di editoria con cui collaboro e che per il secondo anno è stata media partner dello spazio Incubatore. Bello veder arrivare amici e colleghi da diverse regioni per raccontare insieme in diretta il Salone!

Incubatore. Uno spazio che “coccola” le piccole case editrici con meno di due anni di attività introducendole al confronto con grandi editori e professionisti del settore. Qui ho conosciuto ad esempio Kuma edizioni, che ha in catalogo anche un libro – kamishibai intitolato “Foresta blu”: caratterizzato da pagine cartonate e da altre di carta velina trasparente dipinta, è un volume che si può montare a capanna, sfogliare da due parti ma soprattutto leggere insieme a qualcuno; insomma, un progetto che esalta il piacere dell’esperienza della lettura per grandi e piccoli. Ancora, quest’anno ha fatto il suo esordio Rêves: il quaderno dei sogni che ha in catalogo un solo titolo (impossibile definirlo libro e riduttivo chiamarlo quaderno). Si tratta di un volumetto dalla copertina viola su cui si possono annotare i propri sogni e scoprire le coincidenze che talvolta regala la vita: la numerazione delle pagine sembra casuale, ma in verità permette un gioco di rimandi per raccogliere diversi indizi (coordinate geografiche, parole in codice, ritornelli…) che condurranno a un luogo reale in cui un piccolo sogno (dell’editore, ma non solo) si può lanciare.

Letti di Notte. E’ un’iniziativa lanciata da Marcos y Marcos e accolta da numerosi altri editori che si concretizzerà il 21 giugno quando le librerie indipendenti resteranno aperte anche di notte (qui il sito con tutte le info) per ospitare eventi originali che partono dai libri come letture collettive, improvvisazioni teatrali, pigiama party letterari, giochi…

Miraggi Edizioni. Molto di questi giorni l’ho vissuto anche con la redazione di Miraggi (che squadra!) e con gli altri “abitanti” dello stand Nuovi Editori Indipendenti.

Stand. Ogni casa editrice l’ha personalizzato perché il lettore si sentisse in un luogo originale. Minimum Fax ha ricreato una casa con tanto di credenza e tavolino con bottiglia di vino; Marcos y Marcos ha allungato una tavolozza di colori con le copertine dei propri libri; Elliot ha dipinto una grande porta nella parete davanti al tavolo espositivo perché i libri permettono di entrare in un altro mondo; Ediciclo ha appeso delle biciclette in legno e posizionato di fianco allo stand un risciò per portare i libri in bici dentro alla fiera; Tic ha portato un frigo rosso su cui ha attaccato tanti magneti e parole; lo spazio della regione Umbria che ha raccolto oltre cinquanta editori; Liberos ha attrezzato uno spazio incontri con sedie e tavolini per rendere il clima più informale…

Twitter. Impossibile stare senza durante il Salone! Twitter è comunicazione immediata via web, occasione di lancio notizie e di contatto veloce o di aggiornamento. Basta lanciare un “Appena arrivata a #SalTo13” che qualcuno risponde “Passo tra un’ora, dove sei?”, oppure salutare con un #ff per ricevere il buona giornata da chi condivide i tuoi stessi interessi. E se il confronto e lo scambio di idee si infittiscono nasce la voglia di conoscersi oltre twitter, si moltiplicano le occasioni di incontro a fiere ed eventi di settore e nascono progetti interessanti. E’ successo così ad esempio con @tazzinadi (che al Salone ha presentato “Il metodo della bomba atomica” insieme a Dario Voltolini) e @uncronista, @SimonelliSav e @mgiacomello, @lultimovampiro (intervistato da Hub09 dopo di me) e @patrizialadaga, @ArtNite e @nascpublish, @SignorinaLave e @SedCetta, @Imparafacile e tanti altri… E’ nata su twitter anche la colazione degli uffici stampa #TwitteriEditori, un appuntamento che ha permesso di mettere sul tavolo idee e riflessioni sul proprio lavoro in un clima amichevole (@iguanadan ne parla qui). “Assolutamente da ripetere!” ci si è detti e già c’è chi ha lanciato la proposta di un #twitteritivo…

Annunci

Read Full Post »