Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘prodotti tipici’

Esperienza sensoriale che aiuta a riscoprire antichi sapori e a provare originali accostamenti, occasione di confronto tra produttori e consumatori, scenario per dibattere sulla tutela del patrimonio enogastronomico, momento per approfondire la conoscenza di culture lontane. Questi sono alcuni degli ingredienti che hanno permesso all’edizione 2010 del Salone Internazionale del Gusto di registrare il record di 200.000 visitatori e ampi consensi. Grazie al connubio con Terra Madre la manifestazione è molto più di un’imponente sagra di prodotti tipici: per cinque giorni, infatti, Torino ha ospitato produttori di ogni Paese del mondo, cuochi e assaggiatori, venditori e insegnanti che hanno puntato l’attenzione sul costruire una produzione alimentare sostenibile e rispettosa del pianeta.

Così, ad esempio, nello stesso ambito è stato presentato il “decalogo per l’isola verde”, un progetto per la salvaguardia e la valorizzazione dell’isola di Ischia (la notizia). Il Comando Carabinieri Politiche Agricole e Alimentari ha allestito uno stand per informare sulle attività per contrastare le frodi: solo nelle ultime settimane, i Nac hanno sequestrato 4.607 quintali di concentrato di pomodoro cinese destinato a produzioni “made in Italy” e altre 385 tonnellate di pomodori indicati come DOP San Marzano ma in verità provenienti da altre zone (la notizia). Non è mancato neppure un occhio attento alla tecnologia: nell’angolo dedicato alle mele si poteva trovare anche una televisione a forma di mela (news e foto); gli ebook hanno fatto la loro comparsa in uno stand mentre, in un altro, si potevano sperimentare programmi per iphone in grado di fornire all’istante indicazioni sui marchi di prodotti alimentari appena inquadrati dalla fotocamera. Arte e cibo si sono incontrate nelle tante opere di cioccolato, dalla dama agli attrezzi di lavoro del muratore, ma pure nei formaggi a fumetti (sono di Giorgio Sommacal e Rasori le strisce sulla forma di grana che raccontano il Risorgimento con dei buongustai come Mazzini, Cavour e Garibaldi). Gli studenti dell’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo hanno gestito alcuni punti per avere l’opportunità di spiegare che il corso non è finalizzato alla sola cucina, perchè ad esempio c’è anche chi studia le normative alimentari ma sogna di avere un allevamento di capre per produrre formaggi.

Dal Salone del Gusto esce anche un sondaggio sulle abitudini di consumo e di acquisto, realizzato dalla Regione Veneto su un campione di 266 persone: da questo emerge che solo il 5% degli intervistati è soddisfatto delle indicazioni sulle etichette dei prodotti ma ben l’80% si serve da un negoziante di fiducia (articolo con dati). Ma il dato su cui bisogna veramente riflettere l’ha lanciato il vicepresidente di Slow Food (uno degli enti promotori dell’evento), l’indiana Vandana Shiva: “Il 50% del cibo prodotto negli Stati Uniti viene gettato o non utilizzato. Invece di un grande business legato alle monoculture, abbiamo bisogno di fattorie che preservino la biodiversità. Monoculture come la soia non risolvono i problemi legati al cibo, ma li creano” (fonte, Ansa). Questa denuncia lascia cadere sull’evento un retrogusto un po’ amaro – senza nulla togliere alla bontà dei sapori – per spronare consumatori, produttori e media ad una presa di coscienza: la buona economia passa anche dalla tavola.

 

Annunci

Read Full Post »

Settembre è il mese delle sagre e mentre paesi e città si animano per promuovere i loro prodotti tipici ed offrire degustazioni, si allarga la discussione sulla qualità di queste manifestazioni. Le sagre sono tante e secondo il professor Renato Novelli andrebbero “ridisegnate all’interno della loro natura originaria e autenticità e su questa base offerte ai turisti come conoscenza di piacere, ma sempre incontro con la società locale”. Novelli propone di formare un gruppo di lavoro per selezionare “sagre filologiche”, che basino la cucina sul rapporto con la terra, il luogo e la cultura popolare locale (leggi l’intervista). Sull’argomento si è espresso anche Ido Perozzi, presidente di Vinea (associazione produttori viticoli): “Molte non hanno nulla di tipico. Ritengo quindi che il problema non sia soltanto quello del numero di sagre, seppure alto, ma dei prodotti utilizzati per la preparazione dei piatti. Un argomento questo che, seppure in maniera diversa, coinvolge tutti gli operatori della ristorazione” (leggi l’intervista).

Mangiare in piazza, sotto tendoni che coprono lunghe tavolate, piace non solo alle famiglie ma anche ai gruppi di giovani: il turismo enogastronomico è in continuo aumento a discapito della ristorazione tradizionale. Secondo un’indagine della Coldiretti, i prezzi sono concorrenziali, tanto che in questo mese ben tre italiani su quattro decideranno di partecipare alle sagre. In un articolo che riporta in sintesi l’analisi dell’associazione agricoltori, si legge che il 35 per cento dei festeggiamenti è dedicato all’uva e al vino, il 22 per cento alla verdura e alla frutta, l’11 per cento ai funghi ed il resto a carne, pasta e pane.

Per favorire queste manifestazioni scendono in campo diversi enti: la Regione Piemonte, ad esempio, ha finanziato sedici treni gratuiti per il Festival delle Sagre di Asti tra l’11 e 12 settembre.  Ma la promozione della festa passa anche attraverso iniziative che richiamino più gente ed una maggior attenzione dei media. Nascono così i record. Carmagnola, città di 28mila abitanti nella cintura Sud di Torino, è entrata nel Guinness dei Primati per la preparazione della peperonata più grande del mondo: nell’ambito della 61esima Sagra del Peperone, dentro un pentolone di tre metri di diametro messo sul fuoco in piazza Sant’Agostino, sono stati cotti ben 1190 chili di peperonata con le quattro varietà locali di peperoni. Un giudice del Guinness World Records giunto da Londra ha sovrinteso alla cottura e alla distribuzione, terminata in meno di un’ora. E se qualcun altro volesse provare, ecco gli ingredienti della ricetta: 139 kg di cipolla; 71 kg di olio di semi di girasole; 108 kg di passata; 327,5 kg di peperoni Quadrato; 350 kg di peperoni Trottola; 246 kg di peperoni Corno di Bue; 40 kg di peperoni Tomaticot. Ancora, a Sale Marasino (provincia di Brescia) per la sagra della zucca è stata premiata una cucurbita di 507 chili (notizia e foto). Ci sono poi feste che tornano in vita dopo anni di silenzio: accade per la Sagra del Toro allo Spiedo di Busca, dove questa carne è definita “oro rosso”. Ancora, ci sono città che pensano anche a chi ha disturbi alimentari: la Sagra della Tellina al Borghetto dei Pescatori di Ostia lancia gli spaghetti senza glutine per i celiaci conditi però con i molluschi (la notizia). Tanti i siti in internet che riportano date e programmi, provare per credere, ognuno scelga la sagra che preferisce.

Read Full Post »