Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘mercato’

Fare un giro al mercato è un’esperienza multisensoriale che apre alla curiosità e all’incontro. Giochi di colore accompagnati da profumi e voci che si spandono e si mescolano per strade e piazze. Ci sono piccoli mercati rionali e mercati che investono grandi spazi richiamando gente da tutta la città se non addirittura dai comuni limitrofi, ma l’impressione non cambia. Bancarelle di frutta e verdura, abiti e scarpe, sottaceti e formaggi, pesce e pollo arrosto, bigiotteria e cosmetici, fiori e ombrelli… Un verduriere con tanto di grembiule da cucina indosso invita a comprare angurie e albicocche cercando di ammaliare signore che si trascinano un carrellino per riporre la spesa: “Gioia, guarda quanta roba bella. E’ un’occasione, frutta più dolce non ne trovi!”. Pochi banchi più in là, c’è chi espone cassette di verza accanto a funghi porcini ascoltando buon jazz. Il pescivendolo risciacqua il tavolo e appoggia sacchetti di cozze. Il macellaio incarta pressate mentre il formaggiaio sistema nuove forme nel banco frigo. Non c’è solo chi ha quintali di pomodori da conserva, ma anche chi espone prelibatezze che arrivano da lontano. Molti i banchi di abiti e accessori gestiti da cinesi e marocchini, segno di una comunità commerciale che cambia. Decine di appendiabiti con abitini stile spiaggia, costumi e pantaloni di lino, ma anche montagne di calze, cappellini e ciabatte da mare (giusto per ricordare che è tempo di vacanza). Al mercato bisogna dapprima – e soprattutto – osservare. In questo periodo di crisi, ancor di più, compaiono cartelli che riportano il famoso 3×2 e sconti che raggiungono il 70 per cento. C’è da chiedersi allora quanto effettivamente costi la merce. Discorso a parte invece per frutta e verdura, spesso più convenienti rispetto ai negozi e supermercati, ma con prezzi facilmente giustificabili. Ma ci sono anche i banchi con vere borse di pelle non taroccate, scarpe alla moda e comode e abiti di marca. Insomma, ce n’è per tutti i gusti e le tasche.

Gironzolare per un mercato vuol dire assaporare una fetta di quotidianità di un paese. Se poco mi piace quell’irruenta famigliarità con cui alcuni ambulanti chiamano i clienti, molto mi incuriosisce la professionalità di altri che regalano consigli di cucina (da un esperto pescivendolo di un mercato torinese è arrivata in famiglia la ricetta degli spaghetti al nero di seppia alla moda veneziana). In Francia è facile incontrare personale addetto al controllo di qualità della merce: un uomo in borghese si avvicina tranquillamente al banco e dalla tasca tira fuori un tesserino, lo mostra all’ambulante e dice di dover verificare che le etichette dei prodotti siano corrette; poco oltre una donna fa lo stesso con degli ambulanti peruviani che cercano di conquistare il pubblico con musiche del loro Paese, braccialetti e maglie coloratissime. Nulla sfugge, dalle marmellate ai salumi, dagli abiti alla bigiotteria. In Italia è più probabile notare i vigili urbani che passano in rassegna la disposizione dei banchi e chiedono di vedere i permessi di vendita. Anche tutto ciò fa parte della vita di un mercato e di chi si sveglia magari alle 5 per andare a montare banco ed ombrellone. E quando il commercio si chiude all’ora di pranzo, insieme alle ultime vendite di merce super scontata, resta una piazza da pulire. Il giorno dopo è un altro mercato, anche se con gli stessi banchi.

E oggi, al termine del mio giro, ho portato a casa qualche chilo di pesche e albicocche (irresistibili dopo che l’ambulante me ne ha fatta assaggiare una), delle pere ed un ananas, ancora un melone e dei formaggi di capra; quello che cercavo in effetti non l’ho trovato, ma in compenso ho preso una borsa e altre piccole cose che non elenco per non annoiare il lettore…

Read Full Post »

Ci troviamo in un momento storico cruciale. I mercati sono più deboli e insicuri di quanto non fossero da molti anni”, così si esprime il giornalista inglese Stephen Armstrong  nel suo libro I super-ricchi erediteranno la terra (citazione tratta a pagina 277). Il titolo del volume edito da Alet di sicuro è accattivante e provocatorio. Armstrong, collaboratore tra gli altri del Guardian e del Sunday Times, propone un ritratto e la storia di personaggi che hanno in mano grandi capitali e che, di conseguenza, riescono a dirigere le sorti di mercati e Paesi; tra questi vi sono ad esempio il russo Roman Abramovic, proprietario del Chelsea, e il magnate Lakshmi Mittal, l’uomo più ricco della Gran Bretagna stando alla classifica del Sunday Times del 2009. L’autore tratteggia gli scenari dell’economia inglese, la vita degli oligarchi russi, i potenti americani e le mosse intraprendenti dei ricchi cinesi. Non si tratta di un vero e proprio saggio, quanto di una scorrevole analisi socioeconomica farcita di aneddoti, interviste ad esperti e ricercatori ed interessanti note che permettono di arrivare alle fonti del testo. Una lettura agile e intrigante dalla quale scaturiscono domande sull’attuale situazione e sulle prospettive dell’assetto economico internazionale.

Partendo da alcuni spunti offerti dal libro, ecco un’intervista al giornalista e studioso di green economy Enrico Flavio Giangreco. Laureato in Economia Aziendale all’Università Bocconi di Milano e docente di Comunicazione economica, Giangreco è autore anche di diversi libri su argomenti di carattere economico e finanziario: con Alberto Canova, “I fondi strutturali. Come finanziarsi in Europa per fare impresa” (Franco Angeli); insieme a Giorgio Falsanisi, “Le società di calcio del 2000. Dal marketing alla quotazione in Borsa” (Rubbettino); “La fabbrica del pallone. La gestione delle aziende calcistiche” (Rubbettino). Ancora, Giangreco è cultore della materia presso la cattedra di Marketing della facoltà di Economia dell’Università degli Studi di Bergamo e alcuni suoi interventi si possono rintracciare sul blog Inseguitorediparole.

Armstrong definisce chiaramente i super-ricchi russi e denuncia il conflitto di interessi di chi amministra “la cosa pubblica”: “E’ dunque evidente che non esiste una divisione netta fra gli interessi degli oligarchi e quelli dello stato. Quasi tutti i ministri russi siedono anche nel consiglio di amministrazione di qualche impresa privata. Il governo ha assegnato ai propri oligarchi la gestione di giganteschi gruppi statali conferendo loro un potere immenso” (pag. 86). Oltre agli oligarchi russi, si possono riconoscere altre fasce di super ricchi?

Sì, si identificano alcune categorie, ad esempio gli arabi a Londra che si occupano di intermediazione o i cinesi di Shangai che sono riusciti ad arricchirsi, così come i ricchi ebrei a New York. Sono persone appassionate di tutto ciò che è luxury, dall’uso di marmo prestigioso all’affitto di megaville, quindi in generale sono i destinatari di prodotti lussuosi.

E allo stesso modo, infatti, Armstrong tratteggia i super-ricchi che risiedono all’ombra della capitale britannica: “Negli ultimi dieci anni i miliardari sono arrivati in Gran Bretagna a vagonate, anche se nel loro caso più che di vagoni si trattava di limousine. Uno dei motivi che ha provocato questa massiccia immigrazione è il generosissimo trattamento riservato dal paese agli stranieri ricchi non residenti. Anche se di recente qualcosa è cambiato…” (pag. 20). Molte le digressioni che a questo punto si potrebbero fare sull’argomento e gli esempi di noti (super)ricchi che cadrebbero a pennello, ma la chiacchierata con il giornalista esperto di green economy prosegue con una panoramica a tuttotondo.

Insieme ai cambiamenti sociali e agli “spostamenti di capitali”, come è variato negli ultimi anni il concetto di economia?

Alcuni ceti vedono la società come immobile, altri invece ne percepiscono il dinamismo. Così ci sono imprenditori che hanno cercato spazi e scenari nuovi nella green economy: ora ci sono persone che cominciano ad interessarsene e se ne parla sempre più. La comunicazione economica si è popolarizzata, vi è una maggior diffusione di concetti e idee, basti pensare ad esempio a quanti usano il termine “spread” pur magari non conoscendone il pieno significato. A tutto ciò si ricollegano anche l’uso e la potenza di internet perché sul web si può attingere ad un mare magnum di informazioni che fino a 15 anni fa era patrimonio di pochi.

Il modello e lo stile di vita dei super ricchi si può realmente conciliare con una reale green economy che fonde analisi del sistema economico e considerazioni sull’impatto ambientale?

Sì, ci sono anche prodotti green come i tessuti eco che hanno prezzi ragguardevoli. Allo stesso modo l’uso di energie rinnovabili può essere un punto di riferimento in ambito economico a livello internazionale. L’osservatorio Energia e Lavoro dell’Ires ha pubblicato il dossier “Energia e lavoro sostenibile” in cui, partendo da uno studio della situazione esistente, descrive possibili scenari sull’occupazione green, arrivando a ipotizzare che entro il 2020 si potrebbero raggiungere 250.000 unità lavorative, molte nel fotovoltaico e nell’eolico. Tutto ciò significa sfruttare le opportunità. Nel 2009 la Deutsche Bank e Siemens hanno deciso di investire 400 miliardi di euro nel progetto Desertec, che prevede la costruzione di una grande centrale solare nel deserto del Sahara per produrre entro il 2020 il 20 per cento del fabbisogno europeo di energia. Gli scenari sono così importanti da far cessare la dipendenza dei Paesi dalla bolletta del petrolio e farli diventare più autonomi.

Cosa dire dei ricchi e della realtà economica nel nostro Paese?

L’Italia ha una struttura sociale ben precisa. Non si vede il proliferare di nuovi ricchi come negli anni ’80 ma c’è un’alta borghesia italiana che ha accumulato per generazioni e che in un sistema come il nostro si avvicina ai super ricchi pensando di poter mantenere lo stesso stile. E’ una borghesia arroccata sul proprio status. Ciò che viviamo ora è frutto della mancanza di un ceto emergente; non viviamo la mobilità, ma ci sono i soliti salotti. E’ un’economia da “italietta”. Negli anni ’60 e ’80 vi era maggior dinamismo sociale. Rileggendo Gramsci, e puntualizzo che non sono marxista, ritrovo la citazione che si riferisce alla “borghesia di straccioni”. Penso che questi ceti borghesi han fatto diventare la nostra società vecchia; purtroppo ci sono persone che non hanno il senso del ruolo.

In questo periodo di crisi cosa serve all’economia italiana? Alcune piccole realtà reagiscono aumentando i mercatini dello scambio o incentivando la Banca del Tempo…

E’ la dimostrazione che il passato ha qualcosa di buono da recuperare: logico che se non ho liquidità cerco di scambiare ciò che ho e questo fa parte della vita dell’uomo, ma si tratta pur sempre di una soluzione temporanea. Se vogliamo riuscire a venir fuori da questa situazione di crisi, occorre capire che anche gli usi e i costumi devono cambiare. In passato vi era propensione a spendere troppo e così alcuni si sono indebitati per accedere ad un’utilità che non era adeguata alle proprie tasche e ora queste persone devono pagare. Ecco perché bisogna selezionare le opportunità di consumo. Inoltre, ogni territorio ha una propria vocazione socio-economica legata alla realtà locale e a determinati prodotti: bisogna tornare a farvi riferimento arricchendo questa vocazione di scenari che arrivano da fonti della rete.

Si può realmente abbattere il debito pubblico dei cosiddetti Paesi in via di sviluppo?

Ci sono voci di attivo e passivo che sono state ereditate dai governi passati; bisogna stare attenti a non spendere più di quanto si incassa, tagliare le inefficienze e destinarle ad altri supporti. Le risorse che si liberano si potrebbero destinare ad un fondo per mettere in sicurezza il Paese e il territorio. Avere un pareggio significa non creare debiti che fanno aumentare il valore del debito pubblico. Occorre fare scelte razionali che seguano l’anno solare ed in ciascun esercizio economico si deve attribuire efficacia all’efficienza.

Read Full Post »