Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘News&eventi editoriali’ Category

Quando Eleonora, la libraia, mi ha chiesto di presentare Guido Catalano con il suo ultimo romanzo Tu che non sei romantica (Rizzoli) ho subito pensato che sarebbe stato un evento divertente e mi avrebbe fatto piacere perché ho già seguito altre presentazioni del poeta torinese diversi anni fa, ma stando o dietro le quinte o tra il pubblico; in questo caso, stuzzicarlo con domande e condividere alcuni spunti della mia lettura sarà una cosa ancora diversa…

Una storia da romanzo (con dentro un altro romanzo segreto), ma anche se sulla copertina è riportata tale definizione, non ci si aspetti la classica struttura narrativa. Vi è un gustoso intreccio di avvenimenti che ruotano attorno alla situazione sentimentale di  tal Giacomo Canicossa, “poeta professionista vivente” che narra in prima persona, vi sono sentimenti di ogni tipo, “allucinazioni” e sorte di monologhi interiori, simpatiche telefonate con l’editor della Grande Casa Editrice e improbabili dialoghi con il Piccolo Chimico stabilitosi in casa sua, incursioni nella rete di Tinder e non in ultimo una libreria che diventa casa di scrittura per il poeta. I capitoli sono brevi, ognuno resta come un affresco nel grande quadro, e c’è un bel ritmo dato dal linguaggio che strizza l’occhio alla poesia: stile inconfondibilmente catalaniano. L’ho letto tutto d’un fiato, impossibile non farlo!

Ci sono pagine in cui ho sottolineato lunghe frasi che sono pennellate autentiche dell’oggi, in cui ho disegnato uno smile accanto a un paragrafo che mi ha scatenato una bella risata (reale, sonora e piacevole), in cui ho impresso una grande freccia vicino a parole che mi hanno fatto tornare in mente chiacchiere e battute di alcuni anni fa (non perché già sentite, ma perché tra quelle righe ho ritrovato Guido così come l’ho conosciuto: ironico e serio, sagace e divertente, profondo e fantasioso, scanzonato ma grande osservatore e naturalmente poetico). Ho sottolineato, fatto schizzi e preso appunti a matita, ma con il senno di poi penso che non mi sarebbe spiaciuto farlo con quei colori fosforescenti che a volte uso sugli appunti nelle agende delle presentazioni, perché la storia che racconta Guido, pur imperniata su una delusione d’amore (con annessi e connessi) e su una quotidianità che potrebbe sembrare frammentata, ha tonalità vivaci… e non a caso, forse, ripenso agli intrugli che il piccoletto realizzava nel salotto del protagonista (riferimento comprensibile solo per chi ha già letto il libro).

Termino con una frase ripresa a grandi caratteri sulla quarta di copertina (dove non ho avuto il coraggio di fare sottolineature nè segni o cuoricini), una domanda che va oltre le risate e l’ironia lasciando il segno e interrogando: “Chi salverà il mondo se non ci amiamo?”

Annunci

Read Full Post »

Eccomi coinvolta in un nuovo ciclo di incontri per parlare di libri… in biblioteca. A Chieri, nota cittadina alle porte di Torino con un fiorente passato nell’industria tessile, sono in calendario cinque appuntamenti con scrittori (torinesi) che racconteranno il loro ultimo lavoro e con cui alla fine si potrà gustare un aperitivo a base di Martini.

 

Valerio Vigliaturo: Dalla parte opposta, Augh! edizioni
Enrico Bassignana: Alfa Rosso, Buckfast edizioni
Alice Basso: La scrittrice del mistero, Garzanti
Giusi Marchetta: Dove sei stata, Rizzoli
Carlo De Filippis: Uccidete il Camaleonte, Mondadori

Read Full Post »

Ci sono tanti tipi di confini, alcuni geografici e altri ideologici, alcuni relazionali e altri culturali. Così, ci sono tanti libri che in modo diverso raccontano percorsi e distanze, mete e ostacoli, sogni e progetti in cui i confini sono comunque protagonisti.

Riflessioni che si arricchiscono anche grazie alla rassegna di incontri letterari organizzata dalle biblioteche dell’area Sud-Est dello Sbam di Torino, in collaborazione con Dinoitre Eventi e CoopCulture e con il contributo della Regione Piemonte.

Il tema, intrinsecamente legato all’attualità, si presta a molteplici letture tanto che in programma ci sono serate in cui si parla di romanzi e altre in cui si scende tra le pagine di saggi. Poter dialogare con l’autore significa ampliare l’esperienza della lettura, offrendo al pubblico diverse chiavi di interpretazione. E alla fine di ogni incontro, con piacere, mi ritrovo io stessa arricchita dalla condivisione.
I tre libri che presento a questo giro sono molto diversi tra loro, viva la bibliodiversità.

Read Full Post »

Da piccola, ogni tanto, la sera, mamma e papà mi portavano in biblioteca a Carignano: loro chiacchieravano con il bibliotecario mentre sceglievano le letture e io, comodamente seduta per terra tra gli scaffali, sfogliavo libri per bambini (i miei preferiti erano gli albi di Asterix e Obelix… ma questa è un’altra storia). Quando frequentavo il liceo, peregrinavo in diverse biblioteche della zona per riuscire a completare l’elenco delle letture estive e così è stato anche per gli esami universitari. Oggi continuo ad andarci con piacere per curiosare quali novità vengono acquistate (cartina tornasole dei gusti degli utenti), per scovare vecchie edizioni di classici e per seguire incontri con scrittori.

Ogni biblioteca parla del territorio in cui è inserita, dello sforzo di chi ci lavora e di chi vi è impegnato come volontario (una grande risorsa!), della bellezza di condividere e incentivare la passione per la lettura e della voglia di incontrarsi grazie ai libri.

In quest’ultimo mese, seguendo la bella rassegna Passaggio a Nord Ovest, mi son trovata a riflettere ancora una volta sulla ricchezza sociale e culturale che nasce dall’avere biblioteche tanto diverse inserite nella stessa rete territoriale. A fine maggio, infatti, è partito un progetto di 14 appuntamenti nelle altrettante biblioteche dello Sbam del Nord Ovest dell’Area Metropolitana Torinese.

Il ciclo di incontri organizzato da Dinoitre eventi con il contributo della Regione Piemonte mi ha portata in quattro Comuni (per gli altri ho passato il testimone a Giorgio Perona) e martedì 20 giugno mi farà approdare ad Alpignano per presentare Luca Bianchini con il suo Nessuno come noi edito da Mondadori.

A Druento sono entrata in una vecchia chiesa sconsacrata dove al posto dei banchi ci sono sedie verdi per gli incontri e nelle navate laterali scaffali con libri per adulti e ragazzi: qui, per parlare del libro di Margherita Giacobino Il prezzo del sogno (Mondadori), sono stata accolta da alcuni volontari che mi hanno illustrato l’evoluzione del loro gruppo di lettura. Per chiacchierare con Tiziano Fratus sul suo L’Italia è un giardino (Laterza) ho attraversato la campagna verde a nord di Torino avvicinandomi alle montagne delle Valli di Lanzo tanto da immaginare di andare in vacanza: La Cassa è un paesino la cui gente ama raccontare la storia del luogo e per gli incontri la biblioteca si trasferisce nel salone parrocchiale dove a far gli onori di casa vi è l’attento responsabile dei volontari. La biblioteca di Collegno, capofila dell’Area e del progetto, in cui ho presentato Giuseppe Culicchia con Essere Nanni Moretti (Mondadori) è una casetta al centro del Villaggio Leumann, quartiere operaio costruito alla fine dell’Ottocento e ora inserito nell’Ecomuseo sulla Cultura Materiale della Provincia di Torino: l’edificio in stile liberty all’interno è una moderna e accogliente biblioteca che all’anno registra circa 7.000 prestiti (brava la responsabile Noemi Turolla che traina con entusiasmo). A Venaria, per Emiliano Poddi con il suo Le vittorie imperfette edito da Feltrinelli (un libro che mi ha conquistata facendomi entrare nel mondo del basket), sono rimasta incuriosita e affascinata dal muro di parole e citazioni che conduce all’ingresso della biblioteca e dal murales con l’aereo e la rosa del Piccolo Principe su sfondo nero alle mie spalle: il bibliotecario, amante anche del teatro, ci ha raccontato dei numerosi eventi che animano i locali durante l’anno coinvolgendo le scuole.

L’esplorazione prosegue…

 

Read Full Post »

Chi ha detto che le favole piacciono solo ai bambini? Siamo abituati a pensare che ogni favola inizi con il classico “c’era una volta” e finisca con “vissero tutti felici e contenti”, ma proviamo a dare spazio alla fantasia e a creare noi stessi una piccola storia che incanti il bambino e faccia riflettere l’adulto.

E’ proprio con questo spirito che Daniele Bergesio ha dato il via a #favoleturbo, un hashtag che su twitter ha raccolto decine di like fin dal primo giorno trasformandosi in un felice esperimento letterario dell’epoca 2.0 e stimolando persone di ogni età a inventare brevi storie di appena 25 parole. Un’idea semplice ma che contiene qualcosa di geniale perché fa parlare sogni e speranze, emozioni e spirito critico con un pizzico di ironia. Presto il progetto è diventato un libro arricchito dalle simpatiche illustrazioni del bravo Alessandro Pedarra e pubblicato da Edizioni Leima (Fratelli Brumm è il nome con cui i due autori hanno scelto di chiamarsi sulla copertina dell’albo). Sono favole che nascono da un solo dettaglio, tratto da fiabe o dalla realtà, e che con una o due frasi raccontano una scena o un’avventura in modo divertente e nuovo. Il volume Favole Turbo contiene in appendice anche qualche indicazione per chi volesse cimentarsi a narrare una breve storia incredibile. Ho provato anche io, su twitter e sulla mia agenda e intanto continuo a leggerne su twitter.

Poi, dal libro all’evento il passo è stato breve…

2017_favole_turbo

Read Full Post »

Ancora una volta ne ho avuta la conferma. I libri aiutano ad allargare gli orizzonti e a farsi domande, a conoscere un po’ di più gli altri (vicini o lontani che siano) e anche se stessi. Ogni lettore può sperimentare questa forza in modo diverso e con libri differenti proprio perché ognuno ha il proprio cammino. Io, questa volta, mi sono imbattuta in un volume interessante che mi ha fatto fare un viaggio in terre lontane e tra popolazioni che (molto?) difficilmente avrò modo di conoscere direttamente. Si tratta di un titolo di saggistica che, avvistato tra le novità, mi aveva fatto l’occhiolino e mi aveva subito incuriosita per la copertina accattivante e “abitata”. Poi, qualche settimana dopo l’uscita, è arrivata la proposta: vuoi presentare Luis Devin con il suo Ai confini del gusto edito da Sonzogno? Così non ho resistito a scoprire “i cibi più insoliti del pianeta”.

luis-devin

Quale è il cibo più insolito che avete assaggiato? Ai confini del gusto aiuta ad abbandonare le proprie prospettive e i propri parametri di “buono” e “disgustoso” o, perlomeno, a diventare consapevoli della loro relatività. Così, leggendo di chi mangia cavallette e nidi di uccelli, coccodrilli e carne di squalo “putrefatto”, si comprendono abitudini e tradizioni alimentari lontane da noi ma non impossibili. L’autore, antropologo e conoscitore della cultura dei pigmei Baka che abitano nella foresta pluviale del Camerun, invita a “vincere la pigrizia dei sensi” e, come primo passo accompagnati dalla lettura, a immaginare come le popolazioni si procacciano e preparano quei cibi per noi insoliti. Il libro, che appare come una mappa mondiale degli alimenti, è articolato in sezioni (insetti, pesci, rettili, mammiferi, dolci… già, ci sono anche i dolci come le formiche del miele!) e ogni capitolo è corredato da disegni realizzati dallo stesso autore.

Se all’inizio ero molto sorpresa di ciò che leggevo e provavo una certa “distanza culturale”, procedendo pagina dopo pagina e addentrandomi nel racconto ricco di informazioni e aneddoti esperienziali ho sentito crescere la curiosità e il desiderio di conoscere. Una lettura che consiglio a chi non vuole restare chiuso nel proprio guscio e a chi desidera – come riporta la dedica a inizio del volume – diventare un “avventuroso esploratore di sapori e della vita”.

Read Full Post »

Viola, Vertigini e Vaniglia è un libro frizzante (edito da BookSalad), che racconta di sogni da realizzare e parti di sé da ritrovare. Mi ci sono imbattuta per lavoro e, come accade quasi sempre in questi casi, lo spirito della lettrice vorace si affianca a quello della professionista per una lettura che scende tra le pieghe delle emozioni e contemporaneamente sviscera il testo a livello narrativo: una storia semplice, scritta con brio, che appaga e fa sorridere. Viola lavora per una ditta di surgelati a Torino ma sogna di diventare una scrittrice (non a caso le prime scene si svolgono al Salone del Libro); intorno a lei, una famiglia con nomi floreali, l’amica di sempre Emma e la cugina Matilde con cui c’è competizione e un rapporto da ricostruire. Immancabile la ricerca dell’amore, quello vero: due le figure maschili che incontra Viola e le fanno battere il cuore… ma si sa, uno solo alla fine la conquista.

Incontro con Monica Coppola alla Luna's Torta di Torino (nov. 2015; foto di Noemi Cuffia)

Incontro con Monica Coppola alla Luna’s Torta di Torino (nov. 2015; foto di Noemi Cuffia)

Ho già presentato l’autrice Monica Coppola a fine novembre 2015 alla torteria libreria Luna’s Torta di Torino, un locale caratterizzato da un’amabile atmosfera libraria. E’ stata una mattina simpatica, terminata con brunch, in cui si è dato anche spazio a nuove idee e conoscenze.
(Monica le sue idee le racconta sul blog che ha lo stesso nome del romanzo: Viola, Vertigini e Vaniglia)  


Ed ecco arrivare la seconda occasione in compagnia di Viola, in un luogo molto amato dai lettori tornesi e non solo quale è il Circolo dei Lettori, al fianco del giornalista Luca Ferrua e degli ideatori del motore di ricerca emozionale per libri PerfectBook che hanno letto il romanzo in chiave emozionale.   

circolo viola vertigini

 

Read Full Post »

Older Posts »